In materia di procedimento disciplinare degli appartenenti alla Polizia di Stato, l'art. 14 del D.P.R. n. 737/1981, non mira a vincolare l'amministrazione all'osservanza di un termine prestabilito e puntuale, tale da comportare col suo decorso la decadenza dell'azione disciplinare, bensì indica una regola di ragionevole prontezza e tempestività, da valutarsi caso per caso in relazione alla gravità dei fatti e alla complessità degli accertamenti preliminari, nonché allo svolgimento effettivo dell'iter procedimentale.