Le parti, nel giudizio di ottemperanza, conservano la stessa posizione processuale (attore-convenuto) che avevano in quello terminato con la pronuncia da ottemperare e in base all'art. 3, comma 2, della L. n. 89 del 2001, il Ministero dell'Economia non è competente per i ritardi dei procedimenti innanzi ai giudici ordinari e di quelli militari, mentre lo è per tutti gli altri casi. Pertanto in tema di ottemperanza al giudicato ex L. n. 89/2001, il resistente va individuato nel Ministrero della Giustizia, convenuto nel procedimento ex Legge Pinto.