Forze armate. Guardia di finanza.

Giudizio caratteristico.

T.A.R. Calabria Catanzaro Sez. I, 10/01/2018, n. 45
Forze armate - Guardia di finanza
In tema di giudizio caratteristico, i giudizi formulati dai superiori gerarchici con le schede valutative sono espressione di discrezionalità tecnica comportando una valutazione delle capacità e delle attitudini proprie della vita militare, che come tali impingono direttamente nel merito dell'azione amministrativa e quindi sfuggono alle censure di legittimità, salvo che non siano arbitrari, irrazionali, illogici ovvero basati su un evidente travisamento dei fatti, con la conseguenza che, proprio perché si tratta di valutazioni, fondate su apprezzamenti ampiamente discrezionali, non devono essere accompagnati da una motivazione particolarmente estesa e puntuale, essendo sufficiente che emerga in maniera chiaramente logica la giustificazione dell'eventuale giudizio negativo o non particolarmente favorevole.

Newsletter

Vuoi ricevere ogni giorno nella tua casella e-mail l'ultima sentenza della Corte Suprema di Cassazione della disciplina prescelta?

Social network

Dove siamo