Sergente dell'esercito condannato per vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate. Su Facebook aveva attribuito al Ministro dell'Interno la capacità solo di "sparare" baggianate definendo "comunisti" i giudici.